La Commissione Europea ha denunciato l’Italia e altri 6 Paesi Ue alla Corte di Giustizia a causa dello sforamento dei limiti di particolato (Pm10).

La Commissione Ue ha deferito l’Italia alla Corte di giustizia europea per aver violato le norme europee antismog, ed in particolare per la ripetuto superamento dei livelli consentiti per il particolato Pm10. Insieme al nostro Paese, Bruxelles ha deferito anche Ungheria e Romania e ha denunciato alla Corte anche Francia, Germania e Regno Unito per il superamento dei limiti di biossido di azoto (No2).

Già nel 2015 il nostro Paese L’Italia era stato oggetto di un’altra procedura di infrazione sulla qualità dell’aria, riguardante in questo caso il superamento dei valori limite di biossido di azoto (NO2). Il 31 gennaio scorso il commissario Ue all’ambiente Karmenu Vella aveva convocato a Bruxelles i ministri di nove Paesi tra cui l’Italia, chiedendo l’adozione di misure per ridurre l’inquinamento atmosferico. La documentazione fornita da Roma è stata sufficiente per evitare l’aggravamento della procedura di infrazione sull’NO2 ma non quella sul particolato, in quanto il piano italiano prevede una normalizzazione della situazione in tempi troppo lunghi.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn