Nel corso del 2017 il numero dei viaggi di colleghi che optano per il carpooling aziendale è triplicato, da 16.500 a 45.668 (+177%).

A sostenerlo è l’ultimo rapporto di JoJob, l’operatore di carpooling aziendale che tramite piattaforma web e app su smartphone permette ai dipendenti della stessa azienda o di aziende limitrofe di certificare la condivisione dell’auto nel tragitto casa-lavoro.

Secondo lo studio, i lavoratori che hanno deciso di usufruire del carpooling aziendale per recarsi al lavoro sono cresciuti del 199% in un anno (da 20.000 a 59.738).Mentre sono 1.265.607 i Km percorsi in carpooling da chi si è recato a lavoro trasportando colleghi e amici.

I viaggi condivisi, dice il rapporto,  hanno permesso di risparmiare ben 1.714.120 chilometri (+164% rispetto al 2016, quando i chilometri risparmiati sono stati 646.9001). Una scelta che dimostra una crescente attenzione per la mobilità sostenibile: non sono state infatti emessi nell’atmosfera ben 22.835 kg di CO2, pari a un bosco di 11.148 alberi (+111% rispetto al 2016).

Oltre ai vantaggi per l’atmosfera ci sono anche quelli relativi ai costi: nel 2017 il risparmio totale, tra passeggeri e autisti, è stato di 339.383 euro. Considerando infatti i chilometri risparmiati dai passeggeri di Jojob, si calcolano 257.118 euro risparmiati su base annua, a cui vanno aggiunti 82.265 euro risparmiati dai soli autisti, che con il carpooling hanno potuto dividere con i propri colleghi il costo degli spostamenti in auto.

Il servizio di carpooling viene utilizzato in tutta Italia, con una concentrazione maggiore al Nord (50%) dove a farla da padrone è la regione Lombardia, seguita da Emilia RomagnaPiemonte e Veneto. Al Centro si trova il 35% delle aziende che promuovono il servizio di carpooling per i propri dipendenti, con Toscana e Lazio tra le regioni più virtuose. Migliora la concentrazione nel Sud e nelle Isole, che dal 10% del 2016 sale al 15%, grazie soprattutto alla forte crescita che si è registrata da parte delle aziende in Sardegna.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn